A+ A A-

  • Categoria: Pellegrinaggio 2015
  • Scritto da Francisco
  • Visite: 7294

Burgos - El Acebo

... Io andavo per il sentiero, tu venivi per esso,

il mio amore cadde tra le tue braccia,

il tuo amore tremò nelle mie.

Da allora il mio cielo di notte ebbe stelle

e per raccoglierle la tua vita si fece fiume...    

(Pablo Neruda)

 

Burgos - Hontanas 

Ufffff... che freddoooooo... Questa mattina siamo partiti Roberto, Kyle e me molto presto (troppa confusione questa notte scorsa nell'albergo). Fino al paese di Tardajos abbiamo camminato veloce (mamma mamma che freddo). Lì ci abbiamo fermato per colazione e dopo... che bellezza... Arrivare a Hornillos è stata una benedizione di Dio... Il cammino percorre luoghi incantevoli, lontani della civiltà, nel quale i campi ed il silenzio si sposano... Arrivati a Hornillos del Camino l'unico bar è chiuso... Noooooooooooo. Arrivare a Hontanas, un'altro regalo... Attraversando campi e campi e campi e più campi siamo arrivati all'incantevole paese di Hontanas dove ci abbiamo fermato nell'albergo di pellegrini "El Puntido". STRAORDINARIA accoglienza. Bravi.




 _________________________________________________________________________________

 

Hontanas - Población de Campos 

Questa mattina, la luce e la nebbia sono stati i grandi protagonisti... Il cammino ci ha portato fino al Monastero di San Anton (peccato che era chiuso). Magnifico. Poco dopo il paese di Castrojeriz e subito dopo la salita all'Alto de Mostelares... Che meraviglia di salita... e dall'alto le viste sono superbe. Qualche kilometro dopo siamo arrivati a Puente Fitero, luogo dove la Confraternita di Perugia dispone d'un meraviglioso albergo di pellegrini. Peccato che sia chiuso. 2 km dopo, il paeseto Itero de la Vega. Lì ci abbiamo ritrovato tanti pellegrini... e la birra è stata presente in un brindisi collettivo... Che emozione... Scrivo e mi viene la pelle d'oca... Dopo e sempre con la natura in grado puro, Boadilla del Camino e Frómista. La Chiesa di San Martin è un vero gioiello. Fino a Población de Campos, paese dove c'è un albergo di pellegrini è finale della nostra tappa, 4 km. Pensavamo di essere da soli ma...





 _________________________________________________________________________________ 

 

Población de Campos - Calzadilla de la Cueza 

Mamma mia che caos l'arrivo a Población de Campos... Pensavamo di essere da soli ed invece... Meno male che Roberto è un grande... Il sistema elettrico non supportava cucina, riscaldamento e luce... Invece lui è stato in grado di sistemare tutto... Grande Roberto... Palencia è una provincia molto fredda. Siamo partiti con un freddo micidiale... In Villalcázar de Sirga c'è una chiesa templaria (Santa Maria la Blanca) dove voleva fare una preghiera per Teresa (hospitalera a Nájera). Purtroppo era chiusa... Arrivati a Carrión de Los Condes sono rimasto per un po' e visitato il Monastero di San Zoilo (bello) e dopo ... 17 km fino a Calzadilla de la Cueza nel nulla (che bello il silenzio). Lì mi sono ritrovato con Roberto e Kyle nell'albergo di pellegrini. Cena insieme e a !etto. Beeeeeeeeeeella tappa.


 _________________________________________________________________________________ 

 

Calzadilla de la Cueza - Sahagún 

Andiamo ragazzi... Questa mattina (solito freddo) siamo partiti con l'obiettivo di arrivare a Sahagún. Insieme a Roberto abbiamo camminato parecchi km parlando delle nostre vite, del!e nostre famiglie, degli nostri sogni, del!e nostre paure... Mi sento molto bene camminando insieme a lui. Brava persona, bravo uomo. Diciamo che la tappa da oggi non è stata mo!to bella però arrivati a Sahagún abbiamo stati accolti in un carino albergo di pellegrini dove c'era anche lavatrice ed asciugatrice quindi... è arrivato il momento di fare bucato. Bisogna veramente...




 _________________________________________________________________________________

 

Sahagún - Mansilla de las Mulas 

Questa mattina sono partito veloce perché volevo arrivare al più presto possibile al paese di Burgo Ranero. Lì voleva scaricare delle fotografie per aggiornare il mio sito. Ho camminato veloce ma comunque mi sono goduto il percorso. Mamma che freddo... Dopo di fare i "compiti" ero d'accordo con Roberto e Kyle per ritrovarci. Dopo un bicchiere di vino abbiamo ripreso cammino fino a Reliegos... Il bar la Torre (Sinin il titolare) è stato un prima ed un dopo nelle nostre vite... Siamo usciti vedendo il triplo della realtà... Meno ma!e che il paese di Mansilla de las Mulas era vicino...




 _________________________________________________________________________________

 

Mansilla de las Mulas - León

Arrivare ad una grande città, quando stai camminando, comporta tanto asfalto... León è una grande e bellissima città quindi da Mansilla de las Mulas fino al centro storico è stato duro. E anche la pioggia è stata protagonista... Veramente non ricordo una climatologia così..... Il percorso fino León centro è "bruttino". Siamo stati accolti nel Monastero "Carbajalas". Un vero shock. Più di 90 pellegrini in una macro stanza... Oggi era sabato e visitare i musei comunali, gratuito. Bella cosa. La Basilica di San Isidoro, la Cattedrale, il centro storico... Beeeeeeeeeeella, beeeeeeeeeeella da moriiiiiiiiiiiiiiire, beeeeeeeeeeella da impazziiiiiire... Claudio, amico mio, fratello, oggi cantavo e ti immaginavo accanto a me... Ti vojo ben, beo... Salutami, per favore, a Loredana.




 _________________________________________________________________________________

 

León - Hospital de Orbigo

La giornata è iniziata sotto stress. Sono tanti i pellegrini che oggi iniziano il "suo cammino" quindi... dalle 5 della mattina il viavai è stato continuo... Senza giudicare a nessuno, rispettando a tutti, augurando un buono cammino ad ogni pellegrina/o penso... ma dove andate alle 5 della mattina nel mese di marzo... ???? La luce del giorno arriva verso le ore 07'45... Il caldo, il sole... è un ricordo d'infanzia... Infatti, conforme camminavamo tanti erano nei bar prendendo caffè... Ou, ragazzi, caaaaaaaaaaaaaaaalma... Mi raccomando...Per quanto riguarda a Kyle, Roberto e me vogliamo arrivare fino al paese di Hospital de Órbigo. Sono 2 i percorsi: Abbiamo deciso quello di passare prima per il paese di Villar de Mazarife. È più lungo però eravamo sicuri che molto più tranquillo. Infatti è stato così. Verso le ore 19 siamo arrivati. Doccia, cena, caffetino e !etto.




 _________________________________________________________________________________ 

 

Hospital de Orbigo - El Ganso

Waow... Ho dormito perfetto... Siamo stati fortunati è nell'albergo ci hanno dato una stanza per noi 3 (Roberto, Kyle e me). Fino ad Astorga il cammino è stato bello ma con tanto fango quindi i piedi sono un po' sofferenti... Arrivati ad Astorga e consigliati per un bravissimo uomo conosciuto ieri sera a Hospital de Órbigo (ci ha offerto anche un vino chiamato "limonada") abbiamo cercato per mangiare un bar chiamato Cubabar... Lì ho mangiato il panino di calamari più buono del mondo mondiale... Mamma mamma mamma... Ancora ci penso... Dopo, siamo andati alla Cattedrale ma purtroppo è chiusa (lunedì)... Deciso che ci fermeremo nel paeseto chiamato El Ganso siamo andati nel supermercato per fare spesa... Le guide dicono che c'è una bella cucina a disposizione degli pellegrini... Ok... Oggi si mangia "Patatas a la Riojana"... Proverò ad essere alla altezza di mamma...




 _________________________________________________________________________________ 

 

El Ganso - El Acebo

Oggi è stata sin dall'inizio una tappa molto speciale. Si arriva alla Cruz de Ferro, posto emblematico per tutti noi pellegrini. Per Roberto è una giornata molto speciale quindi mi sono "staccato" molto presto da lui. Non voglio interferire nel "suo giorno"... nel "suo cammino"... Oggi ho avuto il piacere di conoscere ad Hugo, un bravissimo ragazzo peruviano residente a Roma con il quale ho condiviso un "pezzettino" di tappa. Il sole è stato protagonista è per me è stato un regalo di Dio. Sempre in salita siamo partiti da El Ganso e poco dopo arrivati a Rabanal del Camino. Più avanti, il bellissimo paese (metà ruderi) chiamato Foncebadón ed un po' più in su... la Cruz de Ferro... Dopo tutto dicesa (durissima per i ginocchi) per arrivare fino al paese di El Acebo. Nell'albergo "El Meson" siamo stati accolti in maniera premurosa... Bravi, bravi, bravi. Tornerò di sicuro. Tenerezza, disponibilità, serietà...




 _________________________________________________________________________________